Come può la tecnologia aiutarci a gestire nuove disruption causa COVID?

Come può la tecnologia aiutarci a gestire nuove disruption causa COVID?

La disruption è una seconda natura per i team in ambito IT. Anche prima che arrivasse il COVID-19, gestire cambiamenti imprevisti e innovare in risposta ad essi faceva parte della loro quotidianità: era il loro pane quotidiano. Dopo tutto, sono il cambiamento e la disruption che spesso alimentano la necessità di nuove soluzioni tecnologiche.

 

La pandemia, però, ha portato un significato e uno slancio completamente nuovi alla parola "disruption" (che letteralmente significa “rottura”, “interruzione”), anche agli occhi e alle menti dei professionisti tecnologici più esperti. Stiamo vivendo un livello di disruption che non abbiamo mai visto prima, certamente non nella nostra vita. Infatti, secondo McKinsey & Company, i tassi di adozione digitale sono stati accelerati di cinque anni nel giro di pochi mesi.

Abbiamo tutti sentito le storie di come, in risposta alla pandemia, un terzo delle aziende ha digitalizzato le proprie catene di approvvigionamento, la metà ha adottato nuovi canali per i clienti, tra cui e-commerce, app mobile o chatbot, e due terzi hanno accelerato la loro intelligenza artificiale (AI) e l'adozione dell'automation.

I team IT di tutto il mondo sono stati all'altezza delle sfide e delle richieste loro poste, introducendo nuovi modi di lavorare per resistere alla prova del tempo a una velocità vertiginosa. Ora, i CIO si stanno preparando per la prossima fase di interruzione correlata al COVID.

La continua risposta trasformativa del mondo Tech al cambiamento in atto

Sono sicuro che saresti d'accordo sul fatto che durante le fasi iniziali dell'epidemia di COVID-19, la tecnologia ha decisamente dimostrato il suo valore. Dopotutto, la tecnologia e i relativi team hanno aiutato le aziende a trasformare rapidamente i loro modelli di business esistenti e stabilirne di nuovi. Ciò includeva un'ondata di attività nel settore dell'e-commerce e dei pagamenti elettronici, consentendo al contempo il lavoro remoto di massa in tutto il mondo, praticamente dall'oggi al domani.

Tuttavia, tutto ciò ha messo a dura prova le nostre tecnologie, processi e persone. Circa l'85% dei leader IT ritiene che il lavoro remoto permanente e a tempo pieno eserciti una maggiore pressione sulla forza lavoro, e un terzo era preoccupato che i propri team fossero troppo impegnati in termini di tempo e risorse disponibili. Ulteriori ricerche rivelano che 8 leader IT su 10 fossero preoccupati per la salute mentale del proprio team durante la pandemia, questo ha portato il 58% di essi a mettere in atto programmi a sostegno del proprio personale.

A distanza di mesi dall'inizio della crisi, i team IT di tutto il mondo continuano a rispondere all'impatto mutevole della pandemia. La sicurezza informatica rimane una priorità assoluta, poiché il tasso di attacchi informatici continua a crescere in termini di dimensioni e complessità, secondo recenti statistiche dell'Interpol. Questa tendenza non mostra segni di arresto. Nel Regno Unito, una ricerca del World Economic Forum indica che gli attacchi informatici sono il terzo rischio più elevato per le imprese in relazione al COVID-19, dopo il fallimento e la disoccupazione di lunga durata.

Accenture ha inoltre previsto che le organizzazioni potrebbero dover affrontare una reazione negativa alla privacy dei dati in futuro se una serie di problemi di sicurezza dei dati non viene affrontata per l'intera forza lavoro, compresi i lavoratori remoti. Ulteriori ricerche rivelano che il 47% del personale non ha ricevuto una guida adeguata dal proprio reparto IT quando è passato al lavoro a distanza, quindi forse le previsioni di Accenture non sorprendono.

Le difficoltà nella collaborazione è un'altra minaccia emergente, motivo per cui i lavoratori remoti sono sempre più stanchi del numero incessante di videocall e di esperienze virtuali svolte "insieme ma a distanza" che riempiono le loro giornate. Le riunioni pianificate al posto degli ordinari momenti di break sono ormai all'ordine del giorno, il che si traduce in programmi fitti che lasciano ai dipendenti poco tempo per riprendere fiato. Come discuterò più avanti, i team IT stanno ora affrontando questo problema emergente e in crescita per riportare il personale in ufficio e le comunicazioni su più piattaforme.

I ‘Tech’ team si stanno preparando ad altri 12 mesi di incertezza

Per sopravvivere alla disruption di massa e alla distanza sociale causata dal COVID-19, i team IT, compresi quelli che lavorano direttamente con i CIO, continueranno a svolgere un ruolo sempre più importante nell'affrontare le sfide che le loro organizzazioni devono gestire. Ciò avrà un impatto significativo sui CIO. Gli esperti hanno da tempo previsto che il ruolo si evolverà da quello di Chief Information Officer a Chief Influence Officer. Ora più che mai, questo cambiamento sembra inevitabile: i CIO saranno coinvolti in una più ampia gamma di decisioni aziendali, inclusa la definizione dei valori culturali e aziendali che, per così tanto tempo, sono stati il dominio di un CEO. Quando saranno necessari ulteriori cambiamenti, prevedo che il CIO sarà il primo punto di riferimento per molte aziende che aiuteranno a trovare soluzioni intelligenti.

Ecco alcuni dei modi in cui i leader IT di oggi e i loro team stanno reagendo (e persino sfruttando) questo cambiamento:

# 1 Comunicazione multipiattaforma per combattere l'affaticamento della collaborazione Per aiutare le loro aziende a rimanere allineate e ridurre le difficoltà nella collaborazione, i team IT stanno fornendo soluzioni per facilitare il ritorno al posto di lavoro in cui è necessario mettere in atto misure di distacco sociale e solide misure di pulizia per conformarsi alle attuali linee guida COVID-19. Planimetrie digitalizzate e segnaletica, app di tracking e tracing e tecnologia dei sensori, ad esempio, possono aiutare i responsabili degli uffici a ottimizzare i turni di pulizia e monitorare sia le condizioni ambientali che i livelli di occupazione.

I modelli di lavoro ibridi, tuttavia, rischiano di inasprire un ritorno al lavoro semplificato, in cui il personale potrebbe voler entrare in ufficio su base ad hoc o coordinare le visite in ufficio con altri membri del team. È qui che le soluzioni intelligenti e integrate saranno fondamentali, fornendo l'agilità ai responsabili degli uffici per adattare i loro spazi alle dinamiche della forza lavoro in evoluzione, riducendo i rischi di trasmissione e creando la fiducia del personale in un ritorno al lavoro. Per i CIO e i loro team IT, ciò può significare l'installazione, la manutenzione e il monitoraggio di una nuova gamma di tecnologie per ottimizzare i loro uffici.

Per ridurre ulteriormente l'affaticamento della collaborazione, i team IT stanno anche implementando una gamma di strumenti multichannel per mantenere aggiornate le comunicazioni digitali e consentire alle persone di utilizzare la piattaforma migliore per le loro esigenze. Deloitte raccomanda che "la forza lavoro deve ricevere ampie informazioni attraverso le modalità di comunicazione preferite". Quindi, questa non è una soluzione tecnologica valida per tutti, tutt'altro.

Questa richiesta di strumenti di comunicazione personalizzati e multipiattaforma mette a dura prova le nostre reti tradizionali, dove le soluzioni di ridondanza e stress test di rete sono molto richieste, per aumentare i livelli di prestazioni. Le soluzioni basate su cloud hanno aiutato. In effetti, l'83% delle aziende ha affermato che il cloud ha contribuito a garantire la loro sopravvivenza durante la pandemia, accelerando la fornitura di strumenti di lavoro a distanza e consentendo la comunicazione multipiattaforma. In futuro, i leader IT continueranno a sfruttare l'agilità del cloud.

# 2 Diventa Agile con il cloud

Considerazioni sulla rete a parte, molte aziende stanno intensificando il proprio livello di business su cloud. Le piattaforme di e-commerce cloud-native e incentrate sui microservizi, ad esempio, offrono flessibilità, consentendo alle organizzazioni di rispondere con facilità alle continue interruzioni della supply-chain. I microservizi sono l'iterazione successiva della metodologia DevOps Agile, in base alla quale è possibile utilizzare piccole applicazioni autonome per perfezionare le piattaforme di e-commerce. La ricerca rivela una crescita significativa in entrambe queste aree dall'inizio della pandemia, grazie all'agilità che forniscono.

Tali soluzioni aiuteranno le organizzazioni a spingersi in nuove aree durante i prossimi mesi, aiutandole a mantenere lo slancio digitale costruito durante il blocco iniziale. Dal punto di vista del budget, soluzioni agili e convenienti come cloud, DevOps e microservizi sono tendenze importanti. La ricerca rivela che le aziende hanno speso l'equivalente di 15 miliardi di dollari in più ogni settimana in tecnologia durante i primi tre mesi della crisi, ma ora è prevista una contrazione del 7,3% della spesa IT per il 2020 . Pertanto, i leader IT si stanno concentrando sulla semplificazione delle operazioni per modernizzare le tecnologie e i processi esistenti per garantire la sopravvivenza continua della loro attività.

# 3 I team IT e l'intelligenza artificiale assumeranno un ruolo più importante

Con i ricavi in calo per molti, i CIO stanno riorganizzando la loro spesa per dare la priorità sia all'esperienza del cliente che a quella dei dipendenti. La personalizzazione di prodotti e servizi, ad esempio, è un trend digitale con un focus umano, che consente alle aziende di ottimizzare la loro esperienza di consumo e aumentare il coinvolgimento dei clienti.

L'automazione, l'intelligenza artificiale e l'apprendimento automatico aiutano le aziende a continuare a semplificare le operazioni e l'esperienza utente. Accenture prevede che la collaborazione tra uomo e intelligenza artificiale sia ora un requisito per aiutare le aziende a orientarsi portando le tecnologie di automazione al livello successivo e utilizzandole non solo per eseguire in modo efficiente le attività, ma anche per trasformare i processi aziendali. Ad esempio, abbiamo assistito a un aumento della domanda di chatbot e tecnologie vocali nella comunicazione con i clienti dopo la pandemia con il 30% della navigazione web che si prevede si verificherà senza uno schermo nel 2020. Gli strumenti di sicurezza basati sull'intelligenza artificiale possono anche aiutare i team IT a ottenere di più con meno, fornendo al contempo guadagni di produttività in tutta l'azienda.

Dai robot in natura all'automazione dei processi robotici, le tecnologie di automazione hanno anche svolto un ruolo fondamentale nella sopravvivenza di oltre tre quarti delle aziende durante la pandemia, secondo un recente sondaggio, aiutandole a far fronte alla carenza di manodopera e ottimizzare la loro supply-chain. Ulteriori ricerche di IDC rivelano anche che le tecnologie basate su cloud e intelligenza artificiale continueranno a svolgere un ruolo significativo nel settore pubblico quando si affronta l'interruzione causata da COVID-19, aiutando gli ospedali ad accelerare la diagnosi e i test COVID-19, fornendo da remoto consultazioni a pazienti autoisolati tramite chatbot.

# 4 I professionisti IT ora riconoscono uno skillset diverso

Durante la pandemia, abbiamo assistito a un aumento della domanda di determinati ruoli e competenze. I team IT stanno continuando a migliorare le proprie competenze e ad allenarsi per tenere il passo con questi requisiti in continua evoluzione, adottando al contempo mentalità di apprendimento permanente per garantire una carriera davvero a prova di futuro. Secondo il nostro responsabile globale della tecnologia, James Milligan, i cloud architect ed engineer erano i più richiesti all'inizio del blocco, poiché le aziende e le istituzioni educative hanno lavorato a una velocità vertiginosa per introdurre iniziative di lavoro / apprendimento da casa.

Mentre continuiamo a operare durante la pandemia, Milligan prevede anche un aumento della domanda di esperti di sicurezza dei dati, data analyst, data scientist ed esperti di machine learning, nonché specialisti di change-management ed esperti di Agile, in quanto le aziende continuano ad adattarsi al panorama attuale. Una recente ricerca prevede anche che l'analisi dei dati, l'apprendimento automatico e la sicurezza informatica continueranno ad essere aree di competenza richieste per i lavoratori tecnologici mentre continuiamo a convivere con il COVID-19.

Poiché i team IT lavorano sempre più con altri dipartimenti, anche le competenze trasversali saranno molto richieste, con la Commissione Europea che sottolinea la leadership, l'intelligenza emotiva, l'adattabilità, la creatività e il pensiero critico come importanti abilità post-COVID, insieme alla conoscenza tecnica, all'alfabetizzazione e digitalizzazione dei dati e alle competenze di coding. Quando si tratta di linguaggi di programmazione, R ha visto una recente rinascita durante la pandemia, ma C, Java e Python rimangono le tre sintassi più richieste.

La disruption sta rapidamente diventando una seconda natura per tutti, non solo per coloro che lavorano nella tecnologia. La pandemia ha cambiato il modo in cui lavoriamo in meglio, per sempre. Queste modifiche avranno un impatto sui CIO e sui team IT, aumentando la loro influenza in tutta l'azienda. In futuro, prevedo che i nostri team IT continueranno ad assumere un ruolo più trasformativo e critico per l'azienda per mantenere il mondo attivo e funzionante ora e negli anni a venire.

Promo block - Salary Checker

Hays Salary Checker

Confronta la tua retribuzione con quella delle principali figure professionali analizzate nella Hays Salary Guide.

Promo block - Social

Seguici sui social

        

Promo block - Blog

Consigli di carriera

Scopri come affrontare la ricerca del tuo prossimo lavoro e come progredire con successo nella tua carriera.