Che cos'è un team ibrido e come gestirlo?

Che cos'è un team ibrido e come gestirlo?

Coni lockdown che iniziano lentamente ad allentarsi in tutto il mondo e con il lavoro da remoto che sta diventando una pratica molto comune, alcuni leader si sono comprensibilmente chiesti come poter gestire i propri team dopo la crisi.

A questa domanda non ci può essere ad oggi una risposta totalmente esaustiva. Tuttavia, sembra inevitabile che molte organizzazioni adotteranno politiche di lavoro più flessibili, consentendo ad esempio l'home working, dopo la revoca di eventuali restrizioni nazionali.

Dopotutto, durante la pandemia, i Manager hanno scoperto che è possibile per loro configurare rapidamente enormi infrastrutture per consentire il remote working. Nel processo hanno anche verificato che il loro personale è rimasto impegnato e produttivo, adattandosi rapidamente alle nuove condizioni lavorative.

Ma in che modo il lavoro a distanza avrà un impatto sui diversi team e, cosa più importante, in che modo i Manager dovranno guidare i propri collaboratori in mezzo a cambiamenti così significativi nel loro modo di lavorare?

L'esperienza di lavoro da remoto è stata diversa per ciascuno di noi

Dopo settimane di remote working, molti dipendenti hanno trovato una propria routine piuttosto stabile, riuscendo ad aumentare la produttività e raggiungere un equilibrio più salutare tra lavoro e vita privata.

Eppure ci sono anche alcuni professionisti che non si sono entusiasmati per questo cambiamento e a cui è mancatoa invece la giornata in ufficio. Queste persone sono ansiose di tornare tra le scrivanie per ritrovare l'interazione sociale e per ripristinare una linea di demarcazione più netta tra la casa e vita lavorativa.

Tutti abbiamo sentimenti diversi quando si parla di remote working e i Manager dovranno prendersi del tempo per comprendere le preferenze di ciascun professionista nella nuova "era" del lavoro che verrà.

L'era post-COVID-19 vedrà un aumento dei team ibridi?

È probabile che il remote working diventerà una parte della nostra vita lavorativa quotidiana post-crisi. Ciò potrebbe significare che, pur rispettando le linee guida di ogni Governo, molte aziende prevedano l'adozione di team ibridi in un prossimo futuro.

Alcune organizzazioni lasceranno inevitabilmente ad ogni singolo dipendente la decisione in merito a se e quando tornare sul posto di lavoro. È probabile che questo processo sarà gestito caso per caso, riconoscendo il fatto che alcune persone vorranno tornare in ufficio, mentre altre no.

Eventuali variazioni nelle circostanze, nelle preferenze o nei requisiti dei professionisti all'interno di uno stesso dipartimento, poi, potrebbero portare alla nascita di team ibridi, ossia team in cui alcuni membri lavorano in un ufficio mentre altri lavorano da remoto.

Quindi, ogni giornata di lavoro potrebbe apparire molto diversa, avendo una parte del tuo team che entra in ufficio in alcuni giorni e altri colleghi che collaborano invece da casa. Questa è una sfida completamente nuova per la maggior parte dei Manager, ed è importante pensare già da ora a come potresti guidare al meglio il tuo nuovo team ibrido in un futuro non troppo lontano.

11 modi per guidare un nuovo team ibrido dopo la pandemia

Una leadership efficace di un team ibrido, in sostanza, si traduce nel mettere in atto comportamenti equi ed inclusivi verso ogni persona, indipendentemente da dove stia lavorando. È possibile ottenere ciò nei seguenti modi:

  1. Definire anticipatamente aspettative e responsabilità. Prima di tutto fissa delle aspettative e rendi chiare le responsabilità a tutto il team, in modo che si possa lavorare insieme in modo produttivo e tu possa sapere chi stia facendo cosa, sia da casa sia in ufficio. Inoltre, potresti organizzare riunioni giornaliere o settimanali con l'intero team per iniziare ogni giorno o settimana con il piede giusto, condividendo regolarmente i progressi sui progetti chiave con tutti e per mantenere alta la motivazione. 
     
  2. Definire orari di lavoro precisi. Questo aiuterà te e il tuo team a sapere chi sta lavorando, quando e da dove. La condivisione delle agende poi contribuirà a migliorare ulteriormente la visibilità di informazioni importanti, consentendo a tutti di sapere cosa sta facendo ciascuno in qualsiasi momento, compresi i colleghi che non siedono fisicamente accanto nello stesso spazio.
     
  3. Scoraggiare una cultura "loro e noi". Quando gestisci un team ibrido, può essere molto facile cadere in atteggiamenti non utili o negativi nei confronti di uno dei due gruppi. Non vorrai che uno dei tuoi collaboratori in ufficio pensi, ad esempio, che i membri del team da remoto abbiano un'esperienza lavorativa più semplice. Quindi, il Manager dovrà incoraggiare i due gruppi a sviluppare in modo proattivo i propri rapporti di lavoro e facilitare ciò il più possibile. Dovrebbe esserci sempre una cultura di supporto e rispetto nel tuo team ibrido.
     
  4. Comprendere i vantaggi di ogni situazione lavorativa e garantire equità. I tuoi collaboratori che lavorano da casa, ad esempio, potrebbero trovare più facile mantenere un sano equilibrio tra lavoro e vita privata rispetto a quelli che sono in ufficio per la maggior parte del tempo. Potresti quindi cercare di incoraggiare o facilitare lo stesso livello di equilibrio per coloro che lavorano in ufficio, dando loro la flessibilità di prendere i loro bambini a scuola o di fare sport durante l'orario di lavoro. È importante garantire comportamenti che portino benessere, indipendentemente da dove ciascuno si trovi.

  5. Impegna lo stesso tempo e concentrati su ciascun membro del tuo team. La qualità di attenzione e aiuto che dai a ciascun collaboratore non dovrebbe dipendere da dove sta lavorando o da quale sia il suo ruolo. Solo perché alcuni membri del tuo team lavorano da remoto, non dovrebbero ricevere meno tempo e supporto dal proprio Manager.
     
  6. Presta attenzione alla comunicazione. I lavoratori da remoto perdono l'interazione face-to-face. Ciò significa che dovrai riflettere attentamente su come farli sentire ugualmente coinvolti tramite meeting online, durante i quali tu come leader potresti essere seduto accanto ad un membro del team che lavora in ufficio. Quando devi parlare con i professionisti che lavorano da remoto, prediligi telefonate e videochiamate ad email e chat, a seconda dell'attività. Vederti e ascoltarti regolarmente aiuterà chi lavora a distanza a sentirsi realmente coinvolto e parte del team.
     
  7. Pensa a come misurare le prestazioni in modo equo. La tua attenzione dovrà spostarsi dalle ore trascorse alla scrivania, all'output generato su obiettivi prefissati. Indipendentemente da dove lavorano i membri del tuo team, dovresti concentrarti sulla qualità del lavoro che svolgono piuttosto che sul tempo in cui sono attivi. È inoltre necessario assicurarsi che i percorsi di avanzamento di carriera siano equi sia per il personale in sede che per il personale che lavora da remoto.
     
  8. Assumi personale con lungimiranza. Se stai cercando un professionista che prevedi lavorerà prevalentemente a distanza, devi assicurarti di assumere una persona con le competenze corrette. David Brown, CEO di Hays US, ha recentemente scritto in merito alle caratteristiche che dovresti cercare in un lavoratore da remoto, tra cui una forte responsabilità, puntualità, reattività e - idealmente - precedenti esperienze di remote working. Indipendentemente da dove risiedano le persone, è chiaro che la flessibilità sarà una delle soft skill più richieste in futuro, dopo la crisi.
     
  9. Crea occasioni per riunire fisicamente il tuo team. Una volta che la crisi sarà finita e che le restrizioni dei Governi si allenteranno, potresti pensare di migliorare l'unità, l'armonia e il morale del team organizzando diverse opportunità di incontro, per conoscersi di persona.

  10. Mantieni informato chi lavora da remoto sulle decisioni dell'azienda e del team. I membri del team che non sono fisicamente in ufficio potrebbero non essere a conoscenza delle decisioni prese dall'azienda a livello esecutivo, quindi è necessario impostare incontri regolari con loro per condividere tali dettagli, garantendo la massima trasparenza possibile. Ciò fornirà loro una visione più chiara della strategia dell'azienda e del team, minimizzando al contempo la sensazione di sentirsi "fuori dal giro".
     
  11. Garantisci per tutti uguali premi e benefits. Offrire premi o benefits a chi lavora in ufficio ma di cui non può godere chi invece è in remote working (come ad esempio delle lezioni di yoga in ufficio o una iscrizione scontata ad una palestra nei dintorni) può essere demotivante. Se offri premi inaccessibili ad una parte dei membri del team, devi almeno fornire all'altra delle alternative sostanzialmente equivalenti. Ad esempio, se paghi il pranzo per i collaboratori in ufficio, invia a chi lavora da remoto del cibo a domicilio. Se hai organizzato una sessione di wellness in ufficio, trasmettila in streaming anche per i collaboratori a distanza.

Prepara te stesso e il tuo team ad un nuovo modo di lavorare

Nella nuova realtà post-COVID-19, è chiaro che i nostri luoghi di lavoro potrebbero diventare più flessibili di quanto non siano mai stati prima. Gli uffici tradizionali potranno contenere meno persone, poiché i datori di lavoro offriranno ai membri del loro team la possibilità di lavorare alcuni giorni da casa. Ciò può far cambiare la dinamica della gestione di un team da un giorno all'altro, il che richiederà un'attenta analisi della situazione.

Come Manager, quindi, è importante iniziare già da ora a pensare a come potresti guidare al meglio il tuo nuovo team ibrido in un futuro non troppo lontano.

 

Fonte: Hays Viewpoint

SW - promo block aziende dx

Con così tante persone che lavorano da remoto a causa del Coronavirus, abbiamo raccolto informazioni utili per aiutarti in questo nuovo modo di lavorare. 

SW - promotional block dx

Con così tante persone che lavorano da remoto a causa del Coronavirus, abbiamo raccolto informazioni utili per aiutarti in questo nuovo modo di lavorare.