Conoscere se stessi è il principio di ogni saggezza - Aristotele

Conoscere se stessi è il principio di ogni saggezza - Aristotele

Se ti chiedessi: "Qual è il tuo colore preferito?", "qual è il tuo cibo preferito?" o "qual è il tuo film preferito?" Molto probabilmente saresti in grado di rispondere istantaneamente.

 

Ma, se ti chiedessi, "quali sono i tuoi valori fondamentali?" "qual è il tuo punto di forza?" o "qual è il tuo punto di debolezza?" Le risposte ti verrebbero così facilmente? Che cosa ti definisce come persona? Le cose che apprezzi di più nella vita o se preferisci la pizza agli hamburger? È incredibile quanto poco sappiamo di noi stessi, e questo deriva dal fatto che non ci siamo mai posti delle domande.

Quanto sei curioso di te stesso?

È molto probabile che tu non abbia mai affrontato questo genere di domande prima d'ora. La maggior parte delle persone non lo ha fatto. Se lo hai fatto, probabilmente è stato solo per prepararti per un colloquio di lavoro. Quindi, è molto probabile che guardandoti allo specchio tu non riesca a vedere il "vero te". Molti di noi vivono le nostre vite con il pilota automatico e non riescono a prendersi del tempo per capirsi veramente; per riflettere su chi siamo e cosa vogliamo. È triste dirlo, ma spesso gli altri possono avere un'immagine più precisa di noi rispetto a noi stessi.

Cerchiamo sempre di raggiungere il risultato e l’obiettivo successivo e non ci prendiamo il tempo per pensare a come siamo riusciti (o non siamo riusciti) a raggiungere l'ultimo. Non ci viene nemmeno in mente di analizzare cosa potremmo fare meglio la prossima volta. Spesso passiamo la vita facendo le stesse cose, facendo le stesse scelte, prendendo le stesse strade e ci chiediamo perché il risultato non sia diverso ogni volta. Perché? Perché non pratichiamo l'auto-riflessione in modo significativo.

Questo è un problema, ma si può risolvere.

Incorporare l'auto-riflessione in modo regolare nella nostra vita personale e professionale è la chiave per raggiungere il nostro successo ed essere felici, dobbiamo, come ho spiegato in precedenza, essere curiosi del mondo intorno a noi. Tuttavia, dobbiamo anche essere altrettanto curiosi di sapere chi siamo come persone.

Credo fermamente che gli eventi dell'ultimo anno ci abbiano cambiato per sempre. Quando nulla può più essere dato per scontato, modifichiamo il modo in cui vediamo il mondo e ciò che conta veramente per noi. Qualunque sia la nostra situazione, ci è stato concesso il tempo di riflettere sulle nostre vite, sulle decisioni che abbiamo già preso e su quelle che dobbiamo ancora prendere. Se hai usato quel tempo saggiamente, hai un vantaggio sull’auto-riflessione: stai iniziando ad apprezzare il suo valore. Il trucco adesso è fare di questa pratica un'abitudine permanente.

Cosa intendiamo per auto-riflessione?

L'auto-riflessione è definita dal Cambridge Dictionary come "l'attività di pensare ai propri sentimenti e comportamenti e alle ragioni che potrebbero esserci dietro."

La pratica dell'autoriflessione è estremamente potente, ma può essere un'attività scomoda. La chiave è riflettere senza giudicare, con l'obiettivo principale di tendere verso l'auto-miglioramento e l'apprendimento attraverso suggerimenti costruttivi, non autocritica e negatività, o auto-rafforzamento di ciò che già pensiamo di conoscere. Solo comprendendo le forze e le motivazioni, buone e cattive, che ti hanno portato dove sei oggi e come ti sentit al riguardo, sarei in grado di vedere più chiaramente dove e in che modo vuoi arrivare.

Attenzione però: questo non è facile e se fatto bene sarà importante confrontarsi. Non è un test con risposte giuste e sbagliate. Non è qualcosa da fare entro un limite di tempo. Le tue risposte non ti rendono "buono" o "cattivo". Nessuno ti ascolta e ti giudica. Ma se le tue risposte qui saranno oneste, accurate e fedeli, dipingeranno il tuo quadro generale.

Il fatto che l'auto-riflessione è difficile è probabilmente il motivo per cui non lo facciamo più spesso; perché la maggior parte di noi sono estranei a noi stessi. Forse supponiamo di sapere già chi siamo, di essere chiari su cosa ci spinge e ci motiva, su cosa siamo bravi, su cosa non siamo bravi. Tuttavia, molti di noi cadono nella trappola di fare queste presunzioni senza sapere veramente da dove vengono. Ma in realtà, sono spesso sbagliate, di parte e possono inconsapevolmente portarci a fare le scelte e a prendere le decisioni sbagliate.

L'autoriflessione può anche migliorare le prestazioni sul lavoro

Come diceva Aristotele, "Conoscere se stessi è il principio di ogni saggezza". Questa saggezza si estende nella nostra vita professionale, così come nella nostra vita personale, e infatti:

- Può aumentare la motivazione e i livelli di energia al lavoro: Come spiegato nel loro articolo di Harvard Business Review, i professori dell'Università della Florida e dell'Università del Maryland hanno scoperto che i leader che praticano l'auto-riflessione ogni mattina si chiedono cosa li renda buoni leader sentendosi più motivati e meno esauriti al lavoro.

- Può aumentare la felicità sul lavoro: La ricerca ha scoperto che quei pendolari che usano il loro tempo di viaggio per prepararsi e pianificare il giorno successivo sono più felici e più produttivi.

- Può costruire la nostra fiducia in noi stessi al lavoro: praticando l'autoriflessione regolare, abbiamo più probabilità di creare esperienze e prendere decisioni migliori. Quando questo accade più spesso, e sperimentiamo risultati più positivi, iniziamo a vederci più capaci e fiduciosi, aumentando la nostra autostima nel processo.

- Può aiutarci a sviluppare la resilienza per affrontare le sfide e il cambiamento al lavoro: l'auto-riflessione può aiutarci a riconoscere e rompere il ciclo delle costanti parole negative e delle convinzioni autolimitanti. Può aiutarci a vedere noi stessi come persone forti, capaci e di talento che siamo, costruendo così la nostra resilienza nel processo.

- Può aiutarci a diventare più compassionevoli nei confronti del lavoro: comprendendo le nostre motivazioni più intime, preoccupazioni, simpatie e antipatie, sviluppiamo un livello di intelligenza emotiva che ci permette di essere più compassionevoli ed empatici rispetto alla situazione unica e alle prospettive degli altri nella nostra vita lavorativa.

- Può aiutarci a diventare studenti migliori: La riflessione regolare ci aiuterà a diventare studenti migliori perché ci permette di essere più consapevoli. È importante sottolineare che ci aiuterà ad adottare più facilmente una mentalità di crescita e praticare più apprezzamento verso noi stessi, nel senso che di fronte al fallimento saremo più propensi ad apprezzare gli insegnamenti e andare avanti in modo positivo. La disponibilità e la capacità di mantenere l'apprendimento è uno degli attributi chiave nelle persone di oggi, quindi è importante per la tua carriera.

Come praticare l'autoriflessione

Con tutto questo in mente, come possiamo ottenere miglioramenti nell’auto-riflessione al fine di allineare e prendere le migliori decisioni di carriera?

Fatti le domande giuste

Le domande che ti poni sono la chiave per sbloccare quelle cose che non conosci già di te stesso. Solo ponendoti le domande giuste, e facendotele regolarmente, arriverai alle vere risposte che ti permetteranno di andare avanti e di prendere le giuste decisioni di carriera.

Ma che domande dovresti chiederti quando ti trovi ad auto-riflettere sulla tua carriera? Ecco alcune idee:

1. Qual è il mio obiettivo finale di carriera? Il mio ruolo attuale mi aiuterà a raggiungerlo?

2. Come posso personalmente definire il successo di carriera? I miei obiettivi mi soddisfano veramente, o questa definizione è influenzata dalle opinioni e dalle prospettive degli altri?

3. Come mi sentirò tra cinque anni se non cambierò la mia attuale traiettoria di carriera?

4. Se rimango fermo nel mio ruolo attuale, qual è la causa principale?

5. So quali sono le mie attuali lacune di competenze e come posso colmarle?

6. Quali sono le storie negative e autolimitanti che mi racconto ogni giorno che potrebbero trattenermi? Da dove provengono queste storie e su quali fatti (se ce ne sono) si basano?

7. Se ripenso a un periodo in cui mi esibivo al meglio, cosa stavo facendo, pensando e sentendo?

8. In che cosa sono “naturalmente bravo”? Che cosa mi viene facilmente fare?

9. Quali punti di forza ammiro di più in me stesso? Di quali traguardi vado più fiero?

10. Quando mi sono spinto fuori dalla mia zona di comfort? Ho davvero una mentalità di crescita in termini di carriera?

11. Cosa avrei potuto fare nell'ultimo anno che non ho fatto? Perché non l'ho fatto?

Quando stai rispondendo a queste domande, cerca di fare un passo indietro. Non hanno bisogno di una risposta istantanea. Rumina e rimugina su di loro. Il mio trucco personale è pensare come se fossi un estraneo rispetto a me stesso, così da liberarmi di pregiudizi o preconcetti.

Non rispondere mai nel modo in cui pensi che gli altri vorrebbe sentirsi rispondere.
Simon Sinek raccomanda di guardare ad una situazione come se tu fossi la terza persona a valutarla, e trovo che il distacco sia “utile” quando si esplora la propria storia. Analizza il tuo comportamento, le tue decisioni e le tue azioni senza giudizio e con una mente aperta. Questo è ciò che ti permetterà di prendere le giuste decisioni di carriera per andare avanti.

Siate chiari sui vostri valori personali
 

Quando si pratica l'auto-riflessione, forse una delle domande più difficili da rispondere su di te è, "quali sono i miei valori personali?". Si fa riferimento a ciò che è importante per noi, ciò che ci guida e ci motiva, le linee guida che dirigono la vita che costruiamo per noi stessi. Sono il DNA della nostra personalità e sono unici per te. Se non siete chiari su quali sono i vostri, come si può identificare e raggiungere gli obiettivi, prendere le decisioni giuste e costruire la carriera e la vita che si desidera vivere?

Tutti noi siamo diversi, tutti abbiamo valori personali diversi. Tuttavia, come spiegato dal dottor John Demartini, molti confondono i loro valori con quelli che pensano dovrebbero avere tutti. Quando viene chiesto quali sono i valori, la maggior parte delle persone inconsapevolmente tira fuori una lista di ideali nel tentativo di inserirsi in qualsiasi società. È inutile e non vi porterà da nessuna parte.

Come capisci quali sono i tuoi valori personali? Come spiega il filantropo e life coach Stefan James, chiediti "cosa è importante per me nella mia vita?" Lascia che la risposta non sia influenzata da un giudizio e scrivila. Forse in primo luogo pensate alla famiglia - pochi di noi direbbero che la famiglia è poco importante, ma la famiglia non è un valore. Per determinare i tuoi valori, pensa a quali emozioni la tua famiglia galvanizza in te - amore, connessione, orgoglio o sostegno, per esempio. Allora, fatti di nuovo la stessa domanda: "Cos'è importante per me nella mia vita?" Lascia che la risposta venga a te senza influenze e scrivila. E continua a farti la stessa domanda. Poi, ordina i valori che hai scritto in una gerarchia. Cosa è più importante per te? Cosa c'è in cima alla lista?

Capire quali sono i tuoi valori - i principi che ti sostengono come un essere umano unico - può aiutare a focalizzarti sulla strada giusta e, soprattutto, rimanere concentrati su te stesso. Avere un quadro chiaro dei tuoi valori di base può anche aiutare a vedere ciò che è importante, ciò che vale il tuo tempo e ciò che non lo è, e in ultima analisi, darti un senso di scopo.

Questo tipo di attenzione e chiarezza è vitale per prendere le giuste decisioni strategiche di carriera nel corso della tua vita. È quasi impossibile immaginare come raggiungerai i tuoi obiettivi senza! Comprendere e vivere secondo i tuoi valori personali influenzerà il modo in cui interagisci con gli altri e formerà relazioni con colleghi e stakeholder. Informerà le tue scelte intorno al lavoro perseguito, a quale datore di lavoro rivolgersi per, e il tuo impegno per stabilire un equilibrio vita-lavoro.

Ognuno auto-riflette in modo diverso

Documentare ciò che hai trovato durante i tuoi esercizi di auto-riflessione ti aiuterà e tutto sembrerà più reale, più memorabile, più incisivo e più fattibile per te. Alcuni tengono un diario, alcuni preferiscono semplici note sul loro telefono, altri preferiscono parlare con un collega, manager, mentore, membro della famiglia, partner o amico.

Spesso guardo indietro nei miei appunti, alcuni dei quali hanno ormai molti anni, e mettono in luce ciò che mi interessa di più. È interessante vedere come i temi sottostanti rimangano costanti, anche quando la vita cambia intorno a noi. Ma è anche interessante vedere come possono emergere nuovi temi, che possono essere un catalizzatore per un cambiamento positivo.

Quando e quanto spesso auto-riflettere è anche a causa di preferenze personali. Ciò che è fondamentale è renderla un'abitudine, qualcosa che istintivamente e automaticamente fai nel tentativo di migliorare te stesso. Ci esercitiamo regolarmente per migliorare il nostro essere fisico, quindi dovremmo riflettere su noi stessi regolarmente per renderci mentalmente più forti, in forma, più sani e più felici.

Puoi impegnarti nella riflessione quotidiana, all'inizio o alla fine della giornata. O forse è un rituale a cui si ritorna alla fine di un grande progetto, prima di una valutazione della performance o quando si raggiunge un traguardo di carriera. È diverso per tutti, ma l'importante è che lo fai in un momento in cui ti senti rilassato, aperto e libero, e che puoi agire su ciò che hai imparato.

Come ho detto, l’auto-riflessione non è facile. Ci vuole vulnerabilità, coraggio, spazio, impegno e tempo. Se ti affretti, sorvoli sulle domande difficili, rinunci, fornisci la risposta politicamente corretta, stai solo ingannando te stesso. Nessuno giudica le tue risposte a parte te stesso.

L'auto-riflessione è progettata per renderti migliore. E per apportare miglioramenti a qualsiasi cosa nella vita inizia con l'onestà e il duro lavoro. Quindi, mentre affrontiamo un mondo del lavoro in continuo cambiamento, credo fermamente che la capacità di auto-riflettere sarà una delle abilità più potenti con cui possiamo “armarci”.

Autore: Alistair Cox, Chief Executive, Hays

Promo block - Aziende profili

Promo block - Find & Engage

Hays Find & Engage

Best Practice e nuove tecnologie per un recruitment di successo.

Promo block - Social

Seguici sui social