Skip to content
Hays - Recruiting experts worldwide
  1. Sono
    Sono
  2. Se avete già registrato un account su Hays.it o su Hays-Response.it potete effettuare il login utilizzando tale account

SVELATI I DIECI ERRORI DA EVITARE PER UN CURRICULUM PERFETTO

 

Milano, 19 ottobre 2012 – Avere un curriculum vitae solido e ben strutturato è forse uno degli strumenti più utili ed efficaci per chi è alla ricerca di un nuovo lavoro, specie in periodi economici delicati come quello che stiamo attraversando. Ma per sbaragliare la concorrenza ed evitare il classico “Grazie, le faremo sapere”, è fondamentale prestare la massima attenzione nel momento in cui si inoltra una candidatura, evitando di commettere errori che potrebbero pregiudicare la selezione. Hays, gruppo leader a livello mondiale nel recruitment specializzato in middle e top management, ha stilato una top 10 delle sviste più comuni in cui è facile incappare, fornendo semplici, ma preziose, “dritte” per non finire nel cestino delle Risorse Umane. Tra gli errori più comuni? Dimenticare di allegare nella mail il CV, non personalizzare le proprie esperienze in funzione del destinatario e disseminare il testo di refusi.

RIDURRE, TAGLIARE ED ACCORCIARE

“La prima regola – e forse la più importante – è di evitare quello che, tra gli addetti ai lavori, viene definito come l’overload. Essere prolissi non serve – afferma Carlos Manuel Soave, Managing Director di Hays Italia – Si rischia di annoiare la persona che sta visionando il nostro profilo, al quale, ogni giorno, arrivano decine, se non centinaia, di curricula da vagliare, leggere e scremare. Sembra scontato ma, molto spesso, i CV sono troppo lunghi e contengono informazioni irrilevanti al fine della selezione: per esempio vanno evitati i lavori “minori” o quelli svolti agli albori della carriera. È necessario quindi ridurre, tagliare ed accorciare, evidenziando solo le esperienze più recenti e riassumendo con poche, ma efficaci, parole, le proprie doti.

CV TAILOR MADE

Se si invia un curriculum standard e non personalizzato a tutte le aziende, diminuiscono drasticamente le possibilità di passare la prima fase della selezione ed essere chiamati per un colloquio. I responsabili delle risorse umane capiscono a una prima lettura se il candidato ha organizzato il CV ragionando ed evidenziando i plus che lo rendono il candidato ideale per ricoprire una determinata posizione. Il curriculum deve essere “tailor made” – continua Soave – è necessario quindi inserire riferimenti specifici al lavoro ricercato, così da mostrare reale interesse per la posizione aperta. Lasciando la struttura del cv invariata e modificando solo il destinatario, si ha subito l’idea di un professionista poco motivato e con scarsa pro attività”.


PRESTARE ATTENZIONE AI PARTICOLARI

“Molto spesso accade di essere scartati nel processo di selezione per alcune banali disattenzioni, che denotano superficialità e scarsa cura dei dettagli” – rivela Soave. Ad esempio è fondamentale prestare attenzione alla cronologia delle esperienze svolte: i lavori effettuati devono essere necessariamente elencati dal più al meno recente”. Tanti cv contengono poi refusi o errori grammaticali che denotano scarsa attenzione da parte del candidato. Un consiglio è quello di far rileggere agli amici il nostro profilo: gli occhi di una persona esterna riescono a individuare imprecisioni che potrebbero sfuggire al controllo ortografico del candidato.
Assolutamente vietati poi gli errori di distrazione: mai dimenticarsi di inviare la mail senza l’allegato – cosa che accade molto più spesso di quanto si possa immaginare - confessa Soave. Anche alcune operazioni che vengono considerate semplici e ovvie possono nascondere brutte sorprese: “Il cv di un candidato “perfetto” che contiene però contatti incompleti o poco chiari verrà automaticamente cestinato; e lo stesso accade per chi allega il curriculum in formati particolari, che potrebbero non essere visualizzati dal selezionatore”. Infine, per i lavori “non creativi” è meglio non esagerare con la fantasia: sì ad un’impaginazione chiara, precisa e pulita. Vanno evitati invece inutili ghirigori e colori eccessivi. Vanno anche scelte con cura le foto di accompagnamento: evitate immagini non professionali, vietati gli scatti durante le vacanza o in contesti che poco hanno a che vedere con la professione.

NON MENTIRE

Molti dei curriculum presentano – sulla carta - candidati che si dichiarano in possesso di capacità davvero eccezionali. Ma, a volte, la realtà si rivela essere ben diversa – afferma Soave. Impreziosire il proprio profilo, magari arricchendo qualche skill o omettendo determinate mancanze, è più che comprensibile, ma mentire spudoratamente sulle proprie capacità e sulle esperienze passate di lavoro non paga. Anzi. A lungo termine danneggia il candidato che verrà escluso dai futuri cicli di selezione. I selezionatori e le Risorse Umane individuano immediatamente se il candidato rispecchia le promesse trapelate dal suo CV. Inoltre, nell’era digitale, è sempre più facile verificare con un paio di click referenze ed esperienze.

 

 

Informazioni su Hays

Hays, società quotata al London Stock Exchange, è uno dei leader mondiali nel recruitment specializzato nell’ambito del middle e senior management. Il team di Hays Worldwide conta più di 7000 persone, distribuite in 255 uffici dislocati in 33 Paesi nel mondo. Da più di trenta anni Hays è attiva in Europa, Canada, Australia e Nuova Zelanda con consulenti che, grazie al background maturato in una delle 20 differenti divisioni, offrono ai propri clienti la garanzia di una copertura delle differenti esigenze aziendali sia a livello nazionale sia internazionale.

Per maggiori informazioni:
Melismelis – tel. 02 33600334
Federico Broggi - federico.broggi@melismelis.it
Claudio Motta - claudio.motta@melismelis.it


 

|