Skip to content
Hays - Recruiting experts worldwide
  1. Sono
    Sono
  2. Se avete già registrato un account su Hays.it o su Hays-Response.it potete effettuare il login utilizzando tale account

AGGIORNARSI, REINVENTARSI E ADATTARSI:

LE TRE REGOLE D’ORO PER TROVARE LAVORO DOPO I 45 ANNI

Milano, 18 Aprile 2011

Secondo le elaborazione dei dati Hays sul lavoro, nel 2010 solo il 15 % dei manager over45 che hanno perso il lavoro è riuscito a ricollocarsi.
Ma nel secondo semestre si è ridotto il tempo medio di inattività: da 12 a 8 mesi.

Aggiornarsi, reinventarsi e adattarsi. Questi le parole chiave Hays – leader globale nel recruitment specializzato di quadri e figure dirigenziali - per i manager over45 che hanno perso il lavoro a causa della recessione economica. Al momento il mercato italiano non brilla certo per opportunità, e nel 2010 solo il 15 % dei lavoratori over45 che hanno perso il lavoro è riuscito a ricollocarsi, magari con mansioni direzionali temporanee o con consulenze esterne.

Secondo recenti stime, comunicate da diverse associazioni nate per supportare il reinserimento nel mondo del lavoro dei lavoratori più “anziani”, il 2010 ha visto innalzarsi il picco del tasso di disoccupazione per i lavoratore non più giovanissimi, raggiungendo quota di 1 milione. Dati allarmanti che posizionano l’Italia come fanalino di coda a livello europeo nell’occupazione over45.
Ma come mai manager e quadri vengono licenziati dalle aziende a cui hanno dedicato tanto impegno e professionalità ? “La ragione principale – afferma Carlos Soave, Managing Director Hays Italia – si riduce ad una questione di costi. I manager over45 sono naturalmente quelli con maggior esperienza e di conseguenza con costi più alti. Gli ultimi anni, caratterizzati da una politica di “saving”, hanno portato sia multinazionali sia aziende più “piccole”, ad abbattere i costi e le spese ritenute eccessivamente elevate o superflue”.

Nel mercato economico italiano, le aspettative temporali per gli over45 a caccia di lavoro sono elevate. Il tempo di inattività medio è di circa 12 mesi. Nella seconda parte dell’anno, la forbice sembra esserci ridotta, passando ad una media 8 mesi di ricerca per i più fortunati.

“Alcune aziende – continua Soave – sembrano essersi accorte solo di recente che le competenze di un giovane e quella di un manager con esperienza pluriennale sono diverse e possono essere complementari e non contrastanti. Se si osservano i feedback dei direttori del personale delle più importanti società multinazionali, a seconda dell’età, ci si accorge che gli over45 sono fondamentalmente più affidabili, sanno condurre meglio i gruppi di lavoro, si assumono le responsabilità in maniera più profonda, sanno lavorare in gruppo meglio dei più giovani”.

È fondamentale per i manager over45 che si trovano disoccupati, sapersi reinventare – magari andando ad esplorare le possibilità offerte da settori totalmente diversi da quelli di provenienza. Altro passo necessario per chi vuole battere la concorrenza e ritrovare lavoro è aggiornarsi. Gli anni di esperienza guadagnati direttamente sul campo non sono più sufficienti. È necessario ampliare le proprie conoscenze con master, corsi di formazione e di informatica. Infine, per un make over professionale è necessario conoscere almeno una lingua straniera, meglio se l’inglese, così da poter affrontare senza difficoltà anche progetti di respiro internazionale.
Non è poi da escludere infine nei casi più delicati, il supporto di uno psicologo – magari specializzato nelle tematiche relative al mondo del lavoro – e di associazioni nate ad hoc per tamponare e accelerare una ricollocazione professionale.


5 consigli Hays per gli over 50 a caccia di lavoro

- Adattarsi. È bene mantenere una mente aperta e disponibile, senza scartare a prescindere ruoli di tipo consulenziale o temporaneo. Questo può essere interpretato dalla società selezionatrice come segno di grande flessibilità.
- Aggiornarsi. Approfittare del periodo di “pausa forzata”, aggiornando le proprie conoscenze personali con Master e corsi di formazione.
- Reinventarsi. A volte non basta cercare una professione che ricalchi quelle occupate in precedenza. Perché non provare a lanciarsi in campi differenti che non siano direttamente correlati alle esperienze passate? La maturità consente anche di buttarsi nelle sperimentazioni con una rete di salvataggio non da poco: la conoscenza approfondita del mondo del lavoro.
- Aiuto psicologico. A volte un supporto di tipo psicologico, può essere utile per rimettersi in gioco. Contattando uno psicologo del lavoro sarà possibile definire obiettivi e limiti, stilando una lista di pregi e i difetti. Consigliando quali sono i difetti da nascondere e quali invece i punti forza da valorizzare.
- Lingua Straniera. Indispensabile la conoscenza di una lingua estera: l’inglese è fondamentale per ricollocarsi. Anche in virtù del fatto che le prime aziende a riprendere in considerazione gli over 50 sono multinazionali

 

Informazioni su Hays

Hays, società quotata al London Stock Exchange, è uno dei leader mondiali nel recruitment specializzato nell’ambito del middle e senior management. Al 31 dicembre 2010 Il team di Hays Worldwide conta più di 7000 persone, distribuite in 257 uffici dislocati in 30 Paesi nel mondo. Da più di trenta anni Hays è attiva in Europa, Canada, Australia e Nuova Zelanda con consulenti che, grazie al background maturato in una delle 17 differenti divisioni, offrono ai propri clienti la garanzia di una copertura delle differenti esigenze aziendali sia a livello nazionale sia internazionale.

Per maggiori informazioni:
Melismelis – tel. 02 33600334
Federico Broggi - federico.broggi@melismelis.it
Claudio Motta - claudio.motta@melismelis.it